Benvenuto nel sito ufficiale del comune di Piglio della provincia di Frosinone
Solo testo Alta visibilità       
Comune di Piglio

Home | Mappa

Motore di ricerca

 

Servizi della struttura

  • » Suap


Sei in: Home » il comune » SUAP » Suap
Sei in: Home » il comune » SUAP » Suap

Il Comune

SUAP

Suap

Cos'è

  • Tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive di beni e di prestazione di servizi, quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività, ivi compresi quelli di cui al decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.

    “Il SUAP è competente altresì per tutti i procedimenti edilizi a servizio delle attività produttive, di servizio, e delle costruzioni pubbliche. Sono esclusi tutti i procedimenti amministrativi non di competenza comunale. Resta comunque valido il principio secondo cui, salvo quanto previsto per le Agenzie per le Imprese, (D.P.R. 159/2010) e dal procedimento unico previsto dall’articolo 9 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, lo sportello unico costituisce l'unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva e fornisce, altresì, una risposta unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento, ivi comprese quelle di cui all'articolo 14-quater, comma 3, della legge 7 agosto 1990, n. 241”. 

Cos'è utile sapere

  • L'imprenditore ha come riferimento unico il responsabile del SUAP per lo svolgimento di tutto il procedimento autorizzatorio per la sua iniziativa imprenditoriale.

    L’art.38 della DL 112 del 2008 recita:

    a) l'attività di impresa può essere avviata immediatamente nei casi in cui sia sufficiente la presentazione della dichiarazione di inizio attività allo sportello unico;   

    b) lo sportello unico, al momento della presentazione della dichiarazione attestante la sussistenza dei requisiti previsti per la realizzazione dell'intervento, rilascia una ricevuta che, in caso di DIA, costituisce titolo autorizzatorio. In caso di diniego, il privato può richiedere il ricorso alla conferenza di servizi di cui agli articoli da 14 a 14-quinquies della legge 7 agosto 1990, n. 241;

    c) per i progetti di impianto produttivo eventualmente contrastanti con le previsioni degli strumenti urbanistici, e' previsto un termine di trenta giorni per il rigetto o la formulazione di osservazioni ostative, ovvero per l'attivazione della conferenza di servizi per la conclusione certa del procedimento;

    d) in caso di mancato ricorso alla conferenza di servizi, scaduto il termine previsto per le altre amministrazioni per pronunciarsi sulle questioni di loro competenza, l'amministrazione procedente conclude in ogni caso il procedimento prescindendo dal loro avviso; in tal caso, salvo il caso di omessa richiesta dell'avviso, il responsabile del procedimento non può essere chiamato a rispondere degli eventuali danni derivanti dalla mancata emissione degli avvisi medesimi.

    Nel caso di attività soggette a SCIA  la segnalazione e' presentata al SUAP.  La SCIA, nei casi in cui sia contestuale alla comunicazione unica, e' presentata presso il registro imprese, che la trasmette immediatamente al SUAP.La segnalazione e' corredata da tutte le dichiarazioni, le attestazioni, le asseverazioni, nonché dagli elaborati tecnici di cui all'articolo 19, comma 1, della legge 7 agosto 1990, n. 241.

    Il SUAP, al momento della presentazione della SCIA, verifica, con modalità informatica, la completezza formale della segnalazione e dei relativi allegati.
    In caso di verifica positiva, rilascia automaticamente la ricevuta e trasmette immediatamente in via telematica la segnalazione e i relativi allegati alle amministrazioni e agli uffici competenti, in conformità all'allegato tecnico di cui all'articolo 12, commi 5 e 6. A seguito di tale rilascio, il richiedente, ai sensi dell'articolo 19, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241, può avviare immediatamente l'intervento o l'attività.

    L’imprenditore, nei procedimenti in cui è prevista la SCIA, ha la possibilità di rivolgersi alle Agenzie per le Imprese, ovvero a soggetti accreditati che effettuano una attività istruttoria sulla documentazione presentata e rilasciano una dichiarazione di conformità.
    Sarà cura dell’Agenzia trasferire la SCIA ed i relativi allegati insieme con la dichiarazione di conformità al SUAP di riferimento.

    Normative di riferimento

    DL 112 del 25 giugno 2008
    DL  59 del 26 marzo del 2010
    DPR 160 del 7 settembre 2010

Requisiti

  • Cittadini che intendano sviluppare un’attività produttiva:
    - attività di produzione di beni e servizi, incluse le attività agricole, commerciali e artigianali,
    - attività turistiche e alberghiere,
    - servizi resi dalle banche edagli intermediari finanziari e i servizi di telecomunicazioni.
    Eventuali requisiti previsti per lo svolgimento di specifiche attività.
    Agenzie per le imprese accreditate ai sensi dell'articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; che effettuano l’attività istruttoria e presentano le pratiche per conto dell’imprenditore o suo delegato.

Come fare

  • Le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni concernenti le attività di cui al comma 1 del DPR 160/2010 ed i relativi elaborati tecnici e allegati sono presentati esclusivamente in modalità telematica, al SUAP competente per il territorio in cui si svolge l'attività o è situato l'impianto.
    L’invio telematico prevede che i documenti siano firmati digitalmente dall’intestatario o suo delegato ed inviati, tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo di posta elettronica certificata a disposizione del SUAP.

In quanto tempo

  • I tempi sono diversi a seconda del procedimento adottato.
    Il tempo massimo per un procedimento unico che non richieda la VIA ( Valutazione di impatto ambientale) è di tre mesi.

Quanto costa

  • Il responsabile del SUAP pone a carico dell'interessato il pagamento delle spese e dei diritti previsti da disposizioni di leggi statali e regionali vigenti, nelle misure ivi stabilite,compresi i diritti e le spese previste a favore degli altri uffici comunali, secondo i regolamenti comunali, provvedendo alla loro riscossione e al loro trasferimento alle amministrazioni pubbliche coinvolte nel procedimento stesso

A chi rivolgersi

  • SUAP
    Viale Umberto I - 03010 , Piglio (FR)
    Responsabile:
    Patrizia Cicerchia
    Telefono:
    0775.502328

Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Piglio

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Viale Umberto I - 03010 Piglio (FR)
Tel. 0775-502328 - Fax 0775-501954
C.F.: 00120630603

Realizzazione
Proxime S.r.l. ImpresaInsieme S.r.l.